lunedì 30 gennaio 2017

Nuova Rubrica: I 30 minuti di Freud - Nella testa dei giovani (e futuri) psicologi

Tenere costantemente aggiornato un blog non è cosa semplice quando si hanno tanti impegni e questi impegni comprendono sessioni di studio matto e disperatissimo, ansia, esami imminenti, ansia, organizzarsi per la partenza e ansia (ho già detto ansia?). Per questo motivo, soprattutto negli ultimi giorni, mi sono spesso interrogata su come trovare il mondo di dedicare ogni giorno del tempo a questo progetto e ai miei lettori. Ebbene, l'ispirazione è arrivata proprio mentre studiavo (incredibile ma vero!). Ero immersa in un manuale delle principali teorie della psicologia dello sviluppo e ho letto una particolarità davvero curiosa sullo psicoanalista più famoso del globo (Freud, chi altri?), ossia che dedicava sempre l'ultima mezz'ora della giornata all'autoanalisi. Ora, chiarito che l'autoanalisi non serve a nulla a livello terapeutico, ho pensato sarebbe stata una bella idea iniziare anche io ad analizzare le mie giornate, non per curare alcunché ovviamente, ma per soffermarmi di più a riflettere su ciò che mi succede, sulle gioie e i dolori e prendermi il tempo per capire come affrontarli e magari anche per prendere nota di tutto ciò che vorrei fare/leggere/guardare/approfondire. Tutto questo mi piacerebbe anche condividerlo con i lettori, magari facendo qualche incursione "psicologica" sul perché ho scelto la psicologia, quali sono gli aspetti che mi colpiscono di più, cosa me ne fa innamorare, problematiche, pensieri sparsi... L'idea sarebbe di fare una rubrica giornaliera, ma sarei contenta già di riuscire a pubblicarla tre volte alla settimana. In questo mi piacerebbe anche non essere sola, coinvolgere magari qualche collega universitario per uno scambio di pareri, colleghi di altri atenei o di facoltà in cui si affrontano percorsi attinenti alla psicologia e magari anche qualcuno di voi.
Spero che questa idea vi piaccia, io inizio stasera... chi vuole seguirmi?

Fonte: Pinterest


A presto,
Laura

Nessun commento:

Posta un commento

Perché Giorgio Caproni aveva torto (e perché l'ecologia senza l'Uomo è insostenibile).

Sì, Giorgio Caproni (Livorno, 7 Gennaio 1912 - Roma, 22 Gennaio 1990) è uno dei maggiori poeti del Novecento italiano.  Sì, i suoi versi qu...